Brutti sporchi e cattivi

Brutti sporchi e cattivi

L’inganno mediatico sull'immigrazione

Book Cover: Brutti sporchi e cattivi

 

 

Published:
Publisher: Ediesse
Genres:
Tags:
Excerpt:

L’Autore indaga con rigore scientifico e passione civile sul ruolo dei media nella costruzione della figura, generalmente negativa, dell’immigrato, sempre e solo chiamato clandestino, secondo una vulgata giornalistica, che non riconosce loro altro status: migrante, immigrato, irregolare, richiedente asilo, profugo politico, rifugiato.
Ben diversa è l’immagine che risulta negli ambienti scientifici, dalla ricerca sul campo, dai rapporti diretti con comunità di stranieri in Italia. Ma la realtà conta poco quando la posta in gioco non è la credibilità scientifica ma la preziosa merce del consenso.
Gran parte della stampa italiana ha acquisito un ruolo centrale nella definizione del clima di sospetto verso i nuovi arrivati, quando non addirittura di aperta xenofobia. Qualcosa che i meridionali migrati a Torino o Milano negli anni Sessanta ben ricordano, quando erano sbattuti in prima pagina dai quotidiani come «calabresi», «pugliesi» o «siciliani».

APPROFONDISCI

Come ieri per tanti di noi, i luoghi comuni e la ricerca di capri espiatori si presentano con nuove vesti ed oggi anche l’immigrato perde identità, diventando semplicemente un «extracomunitario».
Di Luzio si lancia in un coraggioso lavoro di ripristino della verità storica e di informazione, riportando alla memoria recenti avvenimenti di cronaca, che hanno rappresentato pagine poco dignitose per l’informazione del nostro Paese.

COMPATTA

Giulio Di Luzio: nato a Bisceglie (Bari). È stato antimilitarista e obiettore di coscienza nella Caritas Italiana. Dopo anni di precariato giornalistico per il manifesto, ha collaborato con La Repubblica e Liberazione. Attualmente scrive sul Corriere del Mezzogiorno. Ha pubblicato: I fantasmi dell’Enichem. La lezione di civiltà di un operaio del petrolchimico di Manfredonia (Baldini Castoldi Dalai Ed., 2003), Finalista V Edizione Premio Letterario Internazionale “AcquiAmbiente”; A un passo dal sogno. Gli avvenimenti che hanno cambiato la storia dell’immigrazione in Italia, con Prefazione di Alex Zanotelli (Besa Editrice, 2006); Il disubbidiente. Il poliziotto che salvò gli ebrei, con Prefazione di Tullia Zevi (Mursia, 2008). Per Ediesse Brutti, sporchi e cattivi (2011). Ha inoltre curato la rubrica «Viaggio nelle parole» nel Tg bilingue Salam Aleikum Magazine.

 

Acquista